Adderall online without prescription http://www.ativanwithoutprescription.com/ http://www.ambienonlinebuycheap.com/ http://www.exlpharmacy.com/ http://generics365.com/

Rapporto: l’Italia indietro su obiettivi Onu per ridurre l’obesità infantile e il consumo alcol - 14/09/2017

Roma, 14 settembre 2017 - L'Italia non fa abbastanza per diminuire i tassi di obesità infantile e il consumo di alcol. Sugli altri obiettivi di sviluppo per il 2030 indicati dalle Nazioni Unite è in generale a buon punto. E’ quanto sostiene un rapporto su 188 paesi pubblicato da Lancet, basato sul 'Global Burden of Diseases' del 2016. Lo studio ha analizzato i 17 obiettivi, dalla fine della povertà alla copertura universale sanitaria indicati nel 2015, assegnando un punteggio da 0 a 100 in base alla percentuale di raggiungimento. In generale il 60% dei paesi analizzati è sulla buona strada per completare almeno un obiettivo, ma solo il 5% ha risultati sull'obesità infantile, sulla riduzione delle morti per tubercolosi e su quelle dovute al traffico. Il primo di questi tre problemi è anche quello in cui l'Italia, che complessivamente è al quattordicesimo posto, ha il voto più basso, 35 su 100, mentre diversi altri obiettivi risultano già completati con il punteggio massimo, ad esempio sulla mortalità dovuta a scarsa igiene. Altri punti dolenti sono l'utilizzo di alcol (38), la prevalenza di fumatori (43) e gli abusi sull'infanzia (44). Ai primi tre posti della classifica ci sono Singapore, Islanda e Svezia, mentre i paesi più indietro sono Somalia, Repubblica Centrafricana e Afghanistan.