Adderall online without prescription http://www.ativanwithoutprescription.com/ http://www.ambienonlinebuycheap.com/ http://www.exlpharmacy.com/ http://generics365.com/

Tumori: un decesso su tre evitabile con stili di vita sani - 12/12/2017

Sydney, 12 dicembre 2017 – Più di un terzo dei decessi provocati dai tumori sono evitabili adottando stili di vita sani. E’ quanto sostiene uno studio australiano del Queensland Institute of Medical Research. Gli scienziati hanno esaminato in un arco di 20 anni quanti pazienti morti per cancro erano stati esposti a otto fattori chiave di rischio. La ricerca indica che il 28% delle morti da erano prevenibili, e che le proporzioni più alte nelle varie forme di tumore erano direttamente legate allo stile di vita. I criteri chiave esaminati erano: esposizione al fumo di tabacco, la dieta, il consumo di alcool, essere in sovrappeso o obesi, l’inattività fisica, l’esposizione ai raggi ultravioletti del sole, infezioni e fattori ormonali. Il lasso di tempo di 20 anni è stato scelto come quello generalmente accettato fra l’esposizione ai fattori chiave e la morte conseguente, scrive il responsabile dello studio, l’epidemiologo David Whiteman, sull’International Journal of Cancer. Il fumo di tabacco, anche passivo, è risultato come il fattore più influente, responsabile del 23% di tutte le morti da cancro. Seguono a distanza i fattori di dieta con il 5% e di sovrappeso e obesità con il 4,5%. Mentre i fattori di rischio sono ben noti, spiega Whiteman, vi sono crescenti evidenze che uno stesso fattore può causare forme diverse di cancro. “Sappiamo da tempo che il tabacco causa il cancro ai polmoni, alla bocca e alla gola, ma sta diventando sempre più evidente che lo causa anche a parti più distanti del corpo, come pancreas, fegato e stomaco”, scrive. I fattori di dieta inoltre hanno un ruolo chiave nel cancro all’intestino, quando questa include molta carne rossa e non abbastanza fibre come frutta e verdure. Le forme di cancro responsabili del maggior numero di morti prevenibili sono quelle ai polmoni, all’intestino, al fegato e allo stomaco, oltre al melanoma della pelle.