Mattarella: in Italia cresca la cultura della prevenzione della salute femminile - 23/04/2018

Roma, 23 aprile 2018 - "L'impegno per il progredire della cultura della prevenzione, l'incremento delle iniziative dirette alla crescita dell'educazione sanitaria, il continuo raggiungimento di traguardi diagnostici, costituiscono strumenti indispensabili per rafforzare l'attitudine alla pratica dei controlli periodici individuali, presidio e fondamento di una tutela piena di salute delle donne e, con essa, di tanta parte del capitale sociale del Paese". E’ quanto ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha rilasciato una dichiarazione in occasione della Giornata nazionale della salute della donna che si è celebrata sabato in tutta la Penisola. "L'intera società è fortemente influenzata nel suo sviluppo dal contributo femminile. La terza Giornata nazionale dedicata alla salute della donna è occasione per riflettere sull'importanza che può avere lo studio dei meccanismi attraverso i quali le differenze legate al 'genere' agiscono sullo stato di salute e sullo sviluppo delle patologie, non solo per assicurare il benessere delle donne e garantire il rispetto pieno della loro dignità, ma per consentire anche il dispiegarsi delle loro potenzialità, dalla vita dell'infanzia all'età matura. Per lungo tempo - ha ricordato Mattarella - le indagini condotte in ambito clinico e farmacologico sono state compiute senza tenere conto della specificità della biologia femminile che può influenzare, talvolta in modo determinante, l'insorgenza e l'evoluzione delle malattie. La ricerca consente di aprire nuovi orizzonti orientando la medicina verso una crescente personalizzazione delle cure e stimolando lo studio delle principali patologie che colpiscono il mondo femminile".