ISS: in Italia da inizio anno a giugno oltre 2.000 casi di morbillo - 27/07/2018

Roma, 27 luglio 2018 – Da inizio anno a fine giungo in Italia si sono registrati 2.029 casi di morbillo. Lo scorso mese ne abbiamo avuti 267 e si riscontra un calo rispetto ai 387 di maggio. Sono questi i principali dati contenuti nell’ultimo bollettino dell’Istituto superiore di sanità (ISS). I decessi sono quattro che si aggiungono agli altri quattro segnalati nel 2017. Venti Regioni hanno segnalato casi (16 Regioni nel mese di giugno) ma ben l'89,4% si è verificato in 7 regioni, tra cui Sicilia (1.066 casi), Lazio (204), Calabria (144), Lombardia (131), Campania (128), Emilia Romagna (77) e Toscana (64). La Sicilia ha riportato, dunque, l'incidenza più elevata (422 casi per milione di abitanti). L'età mediana dei pazienti è 25 anni. Sono stati segnalati 393 casi in bambini con meno di 5 anni, di cui 125 più piccoli di un anno. Il 91,3% dei casi non era vaccinato al momento del contagio, il 5,4% aveva effettuato una sola dose. Il 48,9% ha sviluppato almeno una complicanza; il 59,5% dei casi totali è stato ricoverato. Sono stati segnalati 87 casi tra operatori sanitari, di cui 41 con complicanze (47,1%). Infine, dal 1° gennaio al 30 giugno 2018 sono stati segnalati nel nostro Paese 14 casi di rosolia, di cui tre lo scorso mese.