http://www.ativanwithoutprescription.com/ http://www.ambienonlinebuycheap.com/ http://www.exlpharmacy.com/ http://generics365.com/

"Estendiamo il vaccino anti-HPV a tutta la cittadinanza, donne e uomini" - 26/10/2015

Roma, 26 ottobre 2015 – Il 75% dei casi di tumore del collo dell’utero potrebbe essere evitato grazie alla vaccinazione  contro il Papilloma Virus Umano (HPV). Ma nel nostro Paese la vaccinazione, introdotta nel 2007/2008 per le dodicenni, ha una copertura a macchia di leopardo, con il rischio di non garantire a tutta la popolazione un accesso uniforme a questo importante strumento di prevenzione che rientra nei Livelli Essenziali di Assistenza. La media italiana della copertura (per le ragazze nate nel 1997) è pari al 70,8%, ben lontana dall’obiettivo del 95% stabilito. “Vogliamo promuovere una campagna nazionale di sensibilizzazione per abbattere le barriere culturali ancora presenti – ha spiegato il prof. Carmine Pinto, presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) nel corso del XVII Congresso Nazionale di Roma -.  Siamo di fronte a un vero e proprio strumento di prevenzione primaria contro i tumori. Realizzeremo un opuscolo che sarà distribuito in tutte le oncologie e a gennaio 2016 organizzeremo un convegno nazionale per un confronto fra clinici e rappresentanti delle Istituzioni. Dopo più di 6 anni dall’avvio del programma di immunizzazione, la copertura vaccinale sembra essersi stabilizzata intorno al 71%”. “Il 2007 ha rappresentato un anno di svolta per la tutela della salute della donna in Italia – ha sottolineato il prof. Sergio Pecorelli, presidente AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) –. Il vaccino è fondamentale anche per proteggere i ragazzi. Un terzo dei casi di infezione da HPV riguarda i maschi che, a differenza delle donne, non dispongono di strumenti ed esami utili per verificare la presenza del virus e le sue conseguenze”. “Esistono più di 120 tipi di HPV – ha aggiunto la dott.ssa Stefania Gori, presidente eletto AIOM - che si differenziano a seconda del tessuto che colpiscono e per gravità degli effetti”. “È fondamentale che tutti i cittadini possano accedere a questo importante strumento di – ha concluso la dott.ssa Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di Sanofi Pasteur MSD che sostiene il progetto -. Auspichiamo che la vaccinazione venga estesa in tutte le Regioni anche ai maschi adolescenti, compiendo una grande scelta di politica sanitaria, etica e socialmente equa per proteggere le generazioni future dal cancro e dalle altre patologie causate dal virus HPV”.