http://www.ativanwithoutprescription.com/

Dietrofront degli scienziati, la caffeina protegge il nostro cuore - 2016-01-28

New York, 28 gennaio 2016 - Bere caffe non determina palpitazioni cardiache pericolose.  A controbattere quanti hanno paura che questa bevanda possa fare male al cuore è una ricerca dell’Università della California di San Francisco pubblicata sul Journal of the American Heart Association. I risultati hanno mostrato che il consumo di caffè non provoca i cosiddetti battiti cardiaci extra. Eccessive contrazioni atriali premature (PAC), secondo quanto riferito dai ricercatori, hanno dimostrato di provocare fibrillazione atriale, ictus e morte, mentre eccessive contrazioni ventricolari premature (PVC) possono portare a un aumento dell'insufficienza cardiaca, a malattia coronarica. Diversi studi precedenti hanno collegato le Pac e le Pav al consumo di caffeina. Ma ora gli scienziati statunitensi li hanno smentiti. Nel nuovo studio gli scienziati hanno analizzato il consumo di tè, caffe’ e cioccolato di 1.388 persone selezionate in modo casuale. Sono stati esclusi dal campione coloro che gia’ soffrivano di battiti cardiaci "extra". Fra i partecipanti, 840 (ovvero il 61 per cento) consumavano più di un prodotto contenente caffeina al giorno. Ebbene, i ricercatori non hanno trovato differenze nel numero di Pac o Pvc collegabili ai livelli di consumo di caffe’, tè e cioccolato. Il consumo frequente di questi prodotti non è quindi risultato legato a battiti cardiaci extra. Anzi i ricercatori hanno sottolineato che il caffè può avere effetti benefici per la salute cardiovascolare. 
 
http://www.healthprose.org/