http://www.ativanwithoutprescription.com/

Combatti il mal di testa con l’aiuto dei probiotici - 2016-02-22

Roma, 22 febbraio 2016 - Avete sofferto almeno una volta nella vita di emicrania e disturbi gastro-intestinali? Non è un caso. Il cervello che riceve e trasmette segnali in risposta ad agenti esterni, sensazioni, stati d’animo, emozioni e stress, è in stretto contatto con l’intestino attraverso le funzioni del sistema nervoso, endocrino e immunitario. Questo spiega l’esistenza di una relazione tra disturbi gastro-intestinali e il numero di attacchi di mal di testa. Le cefalee sono disturbi invalidanti, che pesano economicamente sia sulla persona, che sulla società. Il mal di testa colpisce, infatti, il 13% degli uomini e il 33% delle donne. Le cause dirette non sono ancora del tutto note, ma la microflora intestinale sembra giocare un ruolo molto importante. In età pediatrica, ad esempio, l’emicrania può essere causata da un’alterazione della microflora, specialmente nei bambini che da neonati avevano sofferto di coliche. I batteri che vivono nel tubo digerente, permettono l’assorbimento di vitamine essenziali per l’organismo, stimolano il sistema immunitario, producono sostanze ad azione antibiotica e anti-infiammatoria, contribuiscono all’integrità della mucosa intestinale. Dall’altro lato, però, un’anomalia nell’equilibrio della microflora può favorire anche lo sviluppo di malattie sistemiche, come allergie, diabete, obesità, ma anche cefalee e problemi intestinali. Diversi studi hanno dimostrato che l’assunzione di probiotici può riequilibrare la microflora batterica, migliorare la permeabilità dell’intestino, e prevenire l’insorgenza di fastidiosi disturbi. Tra i probiotici più studiati, il lactobacillus rhamnosus GR-1 e il lactobacillus reuteri RC-14 che aiutano a stimolare le difese immunitarie e il lactobacillus rhamnosus GG già efficace nel trattamento di disturbi come la diarrea infettiva nei bambini o quella indotta da antibiotici, e oggi al vaglio degli studiosi per poter essere utilizzato, in dosi adeguate, anche nel trattamento dell’emicrania.
 
http://www.healthprose.org/