Adderall online without prescription http://www.ativanwithoutprescription.com/ http://www.ambienonlinebuycheap.com/ http://www.exlpharmacy.com/ http://generics365.com/

Melanoma: gene "silente" dei capelli rossi aumenta il rischio - 2016-07-14

Roma, 14 luglio 2016 – Molte persone hanno il gene dei capelli rossi, l'Mc1r, pur non avendo la chioma fulva. Il che aumenta il rischio di cancro alla pelle legato all'esposizione solare. L'effetto di questo gene è paragonabile, secondo i ricercatori del Wellcome Trust Sanger Institute, il cui studio è pubblicato sulla rivista Nature Communications, a 20 anni di esposizione solare in termini di mutazioni tumorali. Chi ha due copie del gene ha i capelli rossi, le lentiggini e la pelle chiarissima, ragion per cui si protegge di più la pelle. Chi invece ha una sola copia del gene non ha i capelli rossi ma un colore che può andare dal castano al biondo, con qualche riflesso rosso. Ha però carnagione pallida e alcune efelidi, e può non sapere di essere a rischio, pur essendo più soggetto alle scottature. Solo in Inghilterra si stima che un quarto degli adulti abbia la versione del gene Mc1r che aumenta il rischio di melanoma maligno. Nello studio i ricercatori hanno analizzato oltre 400 campioni di tumori prelevati da pazienti con melanoma, scoprendo che quelli che avevano almeno una copia della variante del gene Mc1r avevano il 42% in più di mutazioni causate dal sole nei loro tumori, rispetto alle persone senza mutazione. L'equivalente di 21 anni in più al sole. Chi ha un singolo gene dei capelli rossi è naturalmente meno in grado di proteggersi dai danni dei raggi solari. Il gene Mc1r dà le istruzioni alle cellule che producono la melanina, il pigmento che fa scurire la pelle proteggendola dal sole. La versione del gene dei capelli rossi non offre però abbastanza abbronzatura e quindi protezione dal sole. ''Il messaggio quindi - evidenzia David Adams, coordinatore dello studio - è che tutti, non solo i pallidi dai capelli rossi, devono fare attenzione al sole. Abbiamo dimostrato infatti che le persone con una sola copia della variante genetica possono avere un maggior numero di mutazioni tumorali rispetto al resto della popolazione''.