Con le creme solari occhio all'etichetta - 2016-07-22

Roma, 22 luglio 2016 - Prima di acquistare una protezione solare, date un occhio all’etichetta. La Commissione Europea, infatti, ha ottenuto che sulle confezioni trovino spazio indicazioni più dettagliate che rendano più sicuri ed efficaci questi prodotti. Si è voluto fare chiarezza sui fattori di protezione solare (SPF) ed evidenziare la capacità di protezione nei confronti dei raggi UVA (e non solo UVB), quelli in grado di creare i maggiori danni biologici. I valori SPF devono essere riportati secondo range di protezione ben definiti: la bassa protezione comprende valori da 6-10, per pelli scure, olivastre o già abbronzate; la media 15–20–25, per pelli abituate al sole e non particolarmente delicate; la alta 30– 50, per pelli chiare; la molto alta 50+, per pelli molto chiare e sensibili. Un solare, inoltre, deve prevedere una protezione dai raggi UVA pari almeno a 1/3 del fattore SPF,  caratteristica identificabile con un apposito simbolo: 3 =<1. Quindi è importante verificare non solo a quale categoria SPF appartiene la crema, ma anche quale è il rapporto esistente tra la protezione UVB e UVA.
 
http://www.healthprose.org/