Stress, non c’è solo quello negativo - 2016-11-15

Roma, 15 novembre 2016 - Con il termine “stress” si indica generalmente una condizione che viviamo in molti momenti della giornata. Ciò che non tutti sanno, è che in origine la parola aveva un significato neutro; si differenziava lo stress positivo (eustress) da quello negativo (distress). Nella concezione neutra, quindi, lo stress non è nulla che si deve evitare, anzi è necessario nella vita: il termine viene dall’inglese e significa letteralmente tensione, sforzo, sollecitazione. Le persone reagiscono allo stress adattandosi ai cambiamenti improvvisi nell’ambiente; questa capacità di adattamento è fondamentale per la sopravvivenza in quanto l’organismo si organizza per ripristinare un equilibrio psicobiologico. In questo caso si parla di stress positivo. Quando invece la reazione di stress è troppo intensa o lo stimolo negativo è eccessivamente prolungato, l’organismo non riesce più a ristabilire l’equilibrio normale per cui le variazioni sopra descritte tendono a diventare più stabili. In questo caso si parla di stress cronico. Quindi lo stress positivo non fa male, purché si abbia il tempo giusto per recuperare, mentre lo stress cronico sì, perché potrà trasformarsi in disturbi di ansia.  

 
http://www.healthprose.org/