Menu di Pasqua: per una scelta sana vince la tradizione - 15/04/2017

Roma, 15 aprile 2017 - Il pranzo di Pasqua racchiude in sé una formula magica: il rispetto della tradizione e l'equilibrio dei sapori. Preparare un bel pranzo pasquale, d'altra parte, non vuol dire ricorrere a rosticcerie, cibi surgelati o ai tanti semi-elaborati disponibili nei supermercati. Un buon menù può e deve essere basato sui cibi della tradizione e sui prodotti di stagione. La prima regola è non eccedere nelle dosi, ma assaggiare un po' di tutto, senza pretendere di avere piatti colmi ad ogni portata.  Siete ghiotti di carne? Preferite quella bianca e magra. Unico accorgimento: la quantità di olio da utilizzare per cucinarle perché può far lievitare le calorie. A questo piatto "unico" accompagnate un contorno di insalata fresca di stagione e diversi tipi di verdure: particolarmente indicati asparagi, ricchissimi di vitamine, minerali e ferro, e i carciofi, noti per le miracolose proprietà in grado di controllare i livelli di colesterolo.
Sostituite gli alimenti a base di farina bianca con degli alimenti integrali. Questo piccolo accorgimento vi consente di assimilare e quindi di smaltire meglio le sostanze assimilate durante il pranzo. Siete arrivati alla frutta? Sulla tavola del pranzo pasquale non possono mancare le fragole, ricche di enzimi capaci di attivare il metabolismo dei grassi aiutando il corpo a dimagrire con meno fatica. Per quanto riguarda i dolci, la Colomba è si molto calorica, ma contiene anche proteine di ottima qualità, per questo motivo una mezza fetta può soddisfare palato e linea. E l'immancabile cioccolato? Se assaggiato con moderazione fa addirittura bene, ma l'uovo da rompere dovrà essere rigorosamente fondente e ad alto contenuto di cacao magro.

http://www.healthprose.org/